Il lupo e l’agnello

lupagnConfesso che a vedere il teatrino Di Maio versus Renzi e il video messaggio di Berlusconi a commento delle elezioni siriane a fini propagandistici, tanto per cambiare, mi ha preso sconforto e rabbia. Ma siccome dal male nasce il bene, lo credo fermamente, incappo nella sfaccettata figura del neopresidente della Sicilia Nello Musumeci e spero ancora.

Musumeci ha studiato Scienze della comunicazione, è stato banchiere, giornalista, Presidente della Provincia, Eurodeputato, Sottosegretario al Ministero del Lavoro e via dicendo. Insomma uno che si è dato da fare, ma non è questo a colpire, quanto il timbro di persona calma, riflessiva e soprattutto sincera.

Arriva in ritardo ai festeggiamenti, con gli occhi velati di lacrime e si scusa: “Volevo avere la certezza del risultato” – dice – mentre non parla della morte del figlio ma è chiaro il riferimento quando asserisce di non riuscire a festeggiare.

Viva Dio, una persona sincera di contro a un mondo della comunicazione falsa, di chi studia come gabbare il prossimo col sorriso sulle labbra, di chi crede di doversi mostrare sempre performante, felice, sorridente, bello. E mi viene in mente il viso di Di Maio che tronfio annuncia che non avrebbe affrontato il rivale Matteo Renzi, spiegando che ormai quest’ultimo non conterebbe più nulla e che non sarebbe dunque interlocutore degno.

E mi viene da dire: ma lei, caro Di Maio, sceglie i suoi interlocutori in base a quanto contino? No perché qualcosa mi dice che lei (ed anche il suo Movimento per la verità) qualche anno fa contasse proprio poco, per gli standard da lei applicati e spero non sia incappato nello stesso trattamento che ha riservato al povero Renzi che, in questa e poche altre occasioni, suscita immensa simpatia, nel senso etimologico ed etico del termine. Renzi non è più al top, la Sinistra è in difficoltà? Bellissima figura avrebbe fatto ad affrontare il confronto, proprio in virtù della presunta decadenza dell’avversario.

L’ineleganza del suo gesto tradisce, a mio avviso, un’estrema carenza di forma, dunque di pensiero il che spesso si traduce in azioni scadenti. Si è prestato ad essere interpretato come colui che non perde tempo in una cosa che reputi inutile, ma non si possono reputare inutili le persone, perché questo tradisce un’etica inaccettabile per qualcuno che aspiri a governare il Paese. Lei si è certamente giocato credibilità e professionalità con la stessa velocità con cui ha disdetto il suo impegno e spero che questo si traduca in una lezione sonora a sue spese. Lo dico non per ossequio alla “legge del taglione”, ma per forse ingenuo ottimismo: sono certa infatti che l’Italia sia un Paese di persone educate, attente, eticamente formate, portate a stare dalla parte dell’agnello, non di quella del lupo. Che tutti o prima o poi diventiamo agnello, anche lei. E grazie Musumeci, a lei che nella sera in cui è lupo, si presenta da agnello.

Advertisements