Sentenza contro “No Vax”, pro-buon senso

provax-770x465Per la prima volta in Italia è arrivata la condanna penale per un’esponente del movimento “No Vax”, con l’imputazione di “procurato allarme”. Così decide il gip di Modena Losavio a seguito dell’affissione di cartelli, di fronte al Policlinico della città, riportanti numeri falsi rispetto ai bambini danneggiati dai vaccini (21.658 nel triennio 2014-2016). Tali cifre si riferivano invece alle segnalazioni pervenute all’Aifa, non a casi accertati di patologie conseguenti ad una vaccinazione. La reazione dell’Ausl è stata immediata e netta, in quanto «la diffusione di tali contenuti fa leva su false informazioni in grado di disorientare immotivatamente i cittadini».

Questa sentenza è una pietra miliare nella ricostruzione di una cultura del buon senso e dell’alfabetismo funzionale in Italia.

La paventata dannosità dei vaccini, infatti, viene sostenuta non sulla base di dati certi e verificabili, ma di suggestioni personali che diventano cultura di massa e fake news, ove invece l’evidenza è di malattie completamente debellate grazie alla pratica vaccinale e di un tasso di mortalità infantile fra i più bassi al mondo. Il tutto a costo zero per il cittadino.

Perchè allora l’ondata “Anti Vaccini” continua a mietere vittime, tra cui il nostro Ministro dell’Interno Matteo Salvini, che dice che dieci vaccini gli sembrano troppi? Il Ministro non cita nessuna fonte scientifica o bibliografica che lo corrobori in tale credenza e d’altra parte asserisce di avere vaccinato i suoi figli. Viene da chiedersi perchè non dovremmo vaccinare i nostri, allora.

Ho parlato di “alfabetismo funzionale”, concetto elaborato dall’Unesco, che si riferisce non tanto all’alfabetizzazione basilare cui ogni individuo dovrebbe avere accesso, ma alla capacità di comprendere, elaborare e valutare le nozioni che si acquisiscono.

Il caso dei “No Vax” sembrerebbe dunque uno di analfabetismo funzionale, ovvero di persone normalmente alfabetizzate che pervengono a conclusioni completamente scisse dalla realtà che, in questo caso, è statuita dai dati scientifici disponibili sull’argomento. Si tratta insomma di un errore di valutazione che dà luogo a una posizione meramente ideologica, facendo leva sul panico collettivo.

Come è possibile, verrebbe da chiedersi, che si viva in un clima di tale oscurantismo nell’epoca di internet, in cui tutti dovremmo sapere molto, avendo tanti dati a disposizione? A mio avviso ciò è possibile a causa dell’impoverimento culturale e dunque antropologico cui stiamo andando incontro. La verità va studiata, osservata senza preconcetti e soprattutto va scelta, con onestà e coraggio, doti purtroppo sempre più sacrificate al denaro.

Ecco che l’ideologia “No Vax”, poi, diventa un cavallo di battaglia florido per medicina alternativa, avvocati e lobby naturiste che alimentano un mercato, facendo leva sulle paure delle persone.

Inoltre, credo tale approccio sia frutto di un atteggiamento sostanzialmente infantile cui siamo tutti un po’ soggetti: in nome della libertà di scelta e di parola pretendiamo di ridurre ogni cosa ad opzione, a scelta personale. Ciò vale ormai anche per quanto deve essere semplicemente obbligatorio, perché se non fatto mette a repentaglio la vita di tutti, in virtù del principio di immunità di gruppo. A causa di pochi individui non immunizzati infatti è abbastanza probabile che alcune malattie ormai debellate riprenderanno a diffondersi. A volte basterebbe solo riappropriarsi di un banale criterio di buon senso.

Anche apparso su https://mauroleonardi.it/2018/07/18/le-lettere-di-gavina-masala-sentenza-contro-no-vax-pro-buon-senso/

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s